Sogni e giudizi

Come già annunciato, sono un giurato ufficiale del concorso Casa Sanremo Writers 2013.

In verità è la prima volta che faccio parte della giuria di un concorso letterario – l’esperienza più simile è stata la partecipazione alla lettura incrociata del rifugio degli esordienti che in realtà non è affatto un concorso – e la cosa mi coinvolge parecchio.

Avendo partecipato anche io a concorsi letterari, so quante aspettative e quanti sogni sono racchiusi nelle pagine delle opere rimesse al giudizio dei giurati. Ogni rigo riverbera di speranza che si alterna alla parte spesso più crudele di noi, la ragione. Essa smonta senza riguardi ogni cosa la speranza auspichi. Ma quella come si suol dire – ed è vero! – è l’ultima a morire. Ritorna all’assalto della vita come la risacca sugli scogli: nonostante quelli la facciano esplodere in un impatto violento, le donano pure nuova forza per ritornare. Un’altalena di emozioni che si perpetua fino al giorno in cui verranno resi noti i risultati del concorso.

Dunque che dire, comprendo perfettamente le emozioni dei concorrenti; tuttavia non posso – né voglio – non svolgere il mio ruolo in maniera obiettiva. Certo ci sarà chi susciterà giudizi negativi ma pure chi mi sorprenderà con stili e storie interessanti.

Un consiglio per tutti: non mollate mai, perchè seppur una volta le cose vanno male, non è detto che ciò debba accadere pure la seconda, la terza volta. Mostri della letteratura internazionale sono stati respinti persino per dieci anni prima di veder riconosciuto il proprio talento. E poi, che si mantenga l’umiltà e un’apertura di mente tale da far evolvere stile e contenuti.

Che vinca il migliore.

Ilaria

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Sogni e giudizi

  1. Trovo sia giusto sentirsi di dare consigli a chi, come noi, ci ha messo la faccia inserendosi in questo strano pianeta che è la letteratura degli emergenti. Non bisogna mollare dinanzi a qualche porta chiusa o a qualche osservazione negativa. Il proverbio dice “sbagliando si impara” e sbagliare è cosa buona. Chi scrive matura in ogni riga e se questa riga viene contrassegnata con un segno rosso significa che si può fare di meglio.
    Brava Ilaria, bellissimo post!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...