4° tappa Halloween Witch Tour – Stryx di Connie Furnari

Cari followers, eccomi qui oggi con un evento particolare ossia la quarta tappa di un blog tour dedicato a un libro da leggere in questo periodo: Stryx – Il marchio della strega di Connie Furnari che ho recensito qui.

Stryx Witch Tour banner

In questa tappa parleremo di come contattare gli spiriti tramite la tavola Ouija e riconoscerli. Premesso che sono una persona molto razionale – anzi, piuttosto fissata con la scienza – devo dire che comunque i fantasmi mi affascinano da sempre, forse perché li considero non solo il frutto di paure o leggende ma entità di una dimensione diversa dalla nostra. Detto ciò debbo però ammettere di non essere molto coraggiosa in questo senso – come invece lo sarei facendo paracadutismo – e non mi sognerei mai di provare a evocare qualche spirito. Ad ogni modo, vediamo come funziona la tavola Ouija e se qualcuno di voi l’ha già utilizzata, è invitato a condividere la propria esperienza.

Evocare i fantasmi con la tavola Ouija

to

Esempio di tavola Ouija.

La tavola Ouija è uno strumento che viene usato per mettersi in contatto con i defunti. È una tavola sulla quale sono disegnate lettere, numeri e parole; una tavoletta triangolare sostenuta da due rotelle dovrebbe muoversi da sola sulla tavola, formando un messaggio, quando le dita di una persona sono leggermente poggiate.

I sostenitori del paranormale utilizzano la tavola Ouija come strumento di canalizzazione e sono sicuri che i messaggi che ricevono dagli spiriti siano veri.

Le regole guida per chi intende usare la tavola Ouija sono:

  1. Non usare mai la tavola Ouija da soli, o in un posto in cui si crede che gli spiriti si possano riunire, come cimiteri, luoghi infestati e posti in cui si sono consumate tragedie.
  2. Per proteggersi, visualizzare attorno al proprio corpo una luce bianca.
  3. Trattare sempre gli spiriti evocati con cortesia e rispetto.
  4. Non permettere agli spiriti di contare i numeri o l’alfabeto in senso decrescente, se completano la sequenza riusciranno a sfuggire dalla tavola.
  5. Se la placchetta triangolare indica ripetutamente il numero 8, vuol dire che è controllata da uno spirito malvagio.
  6. Il solo modo per proteggersi, nel caso uno spirito malvagio dovesse infestare la tavola, è usare la placchetta capovolta.
  7. Non cercare di distruggere una tavola Ouija bruciandola: si dice che essa urlerà e chiunque senta quel grido morirà entro 36 ore…
  8. Non esporre mai domande riguardo a Dio.
  9. Non chiedere mai in quale giorno o in che modo si morirà.

 

Esempio di tavola Ouija.

Esempio di tavola Ouija.

Ci sono varie testimonianze di persone che affermano di aver ricevuto dalla tavola Ouija delle informazioni che poi si sono rivelate vere. Ma è possibile che in alcuni casi il messaggio comunicato derivi dagli impercettibili movimenti delle dita, influenzati dal subconscio delle persone che la utilizzano.

La tavola Ouija venne inventata nel 1890 da E. C. Reiche, Elijah Bond e Charles Kennard. Il progetto fu migliorato in seguito da William Fuld che la chiamò “Ouija”, dalle parole francesi e tedesche per “sì”: “oui” e “ja”.

bond

Elijah Bond.

 

 

Elijah Bond's Patents & Trademarks Patented February 10th 1891

Riconoscere uno spettro dalla sua aura

L’energia del nostro spirito è collegata a un’energia universale, e si manifesta come un’aura di luce che assume diversi colori, a seconda dello stato d’animo e del benessere di una persona.

Un esercizio da provare è concentrarsi a occhi chiusi davanti a un muro completamente bianco e, quando si è raggiunto il completo rilassamento, osservare la propria ombra proiettata: con attenzione si potrà notare una lieve sfumatura di colore.

mm

Ecco i colori dell’aura:

BIANCO: limpidezza e protezione.

GRIGIO: tristezza, ristrettezza mentale.

MARRONE: attività fisica, ma anche conformismo alla società.

ROSSO: forza e vitalità, ma anche materialismo e collera.

ROSA: fedeltà, amore puro.

ARANCIONE: espansività, ottimismo, guarigione.

GIALLO: libertà mentale, idee, capacità di interagire con gli altri.

VERDE: gioia di vivere, consapevolezza di sé, ma anche egocentrismo.

AZZURRO: dinamismo ed energia.

BLU: energia positiva, creatività e tranquillità.

VIOLA: capacità psichiche, spiritualismo.

NERO: depressione, negatività, odio.

Estratto da Stryx – Il marchio della Strega

 

stryx-il marchio della strega

Le due sorelle si fermarono davanti a una chiesa in stile europeo; la pietra grigia la faceva somigliare a un mausoleo e dalle finestre filtrava la traballante luce di poche candele.

Il portone era aperto ma non c’era nessuno dentro, neppure il parroco o qualche fedele insonne che pregava per i suoi peccati.

«Sei sicura che sia proprio questo il posto?» chiese Sarah con evidente incredulità, e si fermò all’inizio della navata, sotto la grande porta di legno spalancata.

Guardò alla sua destra e vide un capiente vaso di marmo, pieno d’acqua benedetta. Si esaminò la mano, poi con occhi spenti la poggiò sul pelo dell’acqua immergendo solo il palmo; l’acqua benedetta iniziò a bollire e del fumo bianco evaporò dalle sue dita.

«Non è il momento di giocare all’esorcista» la rimproverò Susan e avanzò lungo la navata. Raggiunse il centro esatto, volse il viso verso l’alto e urlò «Rivelati.»

Lui apparve, proprio davanti al pulpito, col suo cappotto nero sopra il completo gessato e la cravatta perfettamente annodata. Era affascinante e seducente.

In tutti quei secoli non era cambiato, il suo viso era uguale a quando, in quel pomeriggio di primavera del 1685, l’avevano visto nel bosco mentre raccoglievano la legna. Con il passare delle epoche aveva modificato abbigliamento per confondersi tra la gente, ma loro lo avrebbero riconosciuto anche tra mille persone vestite allo stesso modo.

L’odore che emanava era talmente pungente da far venire il voltastomaco. Un odore di perversità, distruzione e tenebra. I suoi occhi erano ancora due pozzi neri senza fondo, che inghiottivano chiunque lo fissasse più del dovuto.

«Sei qui per tenere sotto controllo la concorrenza?» Sarah rise, cercando di fare la spiritosa ma sapeva che lui la conosceva talmente bene da non abboccare.

Link utili

 

Il primo capitolo di Stryx è scaricabile gratuitamente sul sito dell’autrice, assieme a molti altri racconti urban fantasy: www.conniefurnari.blogspot.it

Il romanzo completo è disponibile:

Buon Halloween a tutti!

 

 

castello-stregato-halloween-da-colorare

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;4° tappa Halloween Witch Tour – Stryx di Connie Furnari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...